Por lo caminos de Colombia

logo caravana global

Murales paz

di Oscar Paciencia
17 maggio 2014
Después de diez días de actividades en cinco regiones de Colombia (Costa Norte, Nororiente, Noroccidente, Suroccidente, Centro), la Caravana por la Paz y la Democracia en Colombia, integrada por ciudadanos solidarios de australianos, estadounidenses, franceses, suizos, alemanes, italianos y chilenos, pudo ver lo que las condiciones de vida de la gente, los campesinos, los estudiantes, los trabajadores, la industria y el comercio los trabajadores, pescadores y maestros indígenas siguen siendo muy afectados, ya que están rodeados por una guerra sin fin, la codicia de las corporaciones multinacionales que saquea sin parar el territorio, los grupos paramilitares que, en lugar de ser desmantelados, siguen matando selectivamente a líderes comunitarios, defensores de derechos humanos, sindicalistas.
Y También se ha podido observar en las reuniones con la Vicepresidencia de la República (Angelino Garzón) y la Defensoría del Pueblo, la impotencia de estos organismos atrapados por mecanismos formales o ineficaz.
De Buenaventura a Santa Marta, de Bugalagrande a Medellín, desde Barrancabermeja a Riohacha la mirada es la misma: el abuso, la destrucción del medio ambiente, las amenazas, el asesinato, el abandono. Por el momento, el proceso de diálogo en curso en La Habana, entre las FARC -EP y el gobierno de Santos no produjo resultados visibles. Nisiquiera un alto el fuego bilateral por lo menos durante las conversaciones.
Sin embargo, las trochas, veredas y caminos, las calles y plazas de este Pais se llenaron en estos días de protestas convocadas por muchas organizaciones y movimientos sociales: PARO AGRARIO Nacional, Étnico y Popular, lo que demuestra (por si hubiera dudas) que aquel Pueblo no fué aniquilado, que la determinación de un cambio social necesario aún está presente.
Y que este cambio nos pertenece y nos convoca.

DECLARACIÓN POLITICA DE LA CARAVANA
Bogotá, Colombia
30 de abril 2014
Delegados y delegadas de organizaciones sindicales, defensoras de derechos humanos y colectivos de solidaridad con Colombia de Estados Unidos, Suiza, Chile, Australia, Italia, Alemania, Francia, invitados por Sinaltrainal, Fundación La Otra Esquina, CELES, La Red de Lucha contra el Hambre y la Pobreza y el Movimiento Unidad, Paz y Democracia, realizamos una gira por varias regiones de Colombia, con el propósito de reunirnos con las comunidades y sus organizaciones, para examinar los impactos de la política del estado y las Multinacionales en sus vidas y en el país.

Costa Norte

COSTA NORTE
Lo documentado por los Caravanistas: problemática de las mega construcciones para hoteles y apartamentos en Rodadero (Santa Marta) que empactan el paisaje, los ecosistemas, el suministro de agua y las aguas negras. Falta de agua por la sequía y debido al cargue directo de carbón en el puerto de Sta. Marta, que afecta con su polvo toda la ciudad. Trabajadores tercerizados en empresas multinacionales en todas la Región. Esterminio por hambre de los indígenas Wayuu, sobretodo niños. Pescadores afectados en los municipios de Sta. Marta, Ciénaga y Taganga. Comunidad de Palmira, mpio. Pueblo Viejo donde la gente vive en medio y sobre la basura y las aguas negras. La comunidad de El Tamarindo (Barranquilla), desplazados y amenazados por la familla Char, una de las mas poderosa de Colombia.

Oscar Paciencia 25 de abril 2014

Entrevista a sindicalista SINALTRAINAL amenazado y desplazado
Wilson Castro Padilla, por amenazas de muerte y el intento de desconocidos de ingresar a su casa en las horas de la madrugada fue desplazado de la ciudad de Cartagena, la empresa Coca Cola se negó a reubicarlo en la ciudad de Bogotá y toco acudir al juez de tutela que ordeno a la empresa reubicarlo en esta ciudad y Coca Cola apeló la decisión del Juez y la decisión fue confirmada, pero la empresa lo tiene ubicado en un sitio aislado y que no corresponde con la actividad que realizaba en Cartagena. Video versión [ES]

Oscar Paciencia 27 de abril 2014

Pescador de Donjaca y el carbon de Drummond
El man cuenta de la vida de las pequeña comunidad de Donjaca, de como es la vida a cerca de la esplotación del carbon por parte de Drummond y Prodeco. Prodeco empezó a cargar cerca (están Puerto Drummond, Puerto Vale y Puerto Nuevo) y por la contaminación con el polvillo ya no hay cultivos ni suficiente pesca. Antes de la carga de carbón pescaron hasta 2 toneladas/semana, hoy pescan 2 kg por dia. Además, por el peligro de ser atropellado por un buque, los pescadores ya no salen a pescar de noche. Hoy el pueblo no tiene agua potable (tienen pozos), algunas casas no tienen ni letrinas mientras que otras tienen pozos sépticos. Nunca han tenido un puesto de salud, tienen una escuela hasta 9° pero los profes no son buenos y luego los jóvenes se quedan sin hacer nada. Video versión [ES]

Oscar Paciencia 27 de abril 2014

¿Tienes sed?
En Donjaca, pequeño pueblo cerca de Santa Marta, feudo de la Drummond y su carbón, el agua potable no es un derecho. Se tiene que cavar enormes agujeros en su búsqueda. Y toca esperar de no haberse equivocado: tocaría tirar a la basura un año de trabajo manual. Video versión [ES]

NOR ORIENTE

NOR ORIENTE
Los caravanistas han podido constatar que una inmensa parte del territorio del Magdalena Medio está cultivada practicamente solo con palma aceitera (para combustible) en donde siete grandes empresas se acaparraron el terreno. La zona se presenta completamente deforestada. Ataques en contra de sindicatos por paramilitares, atraves de atropellos labrales y despidos; falta de agua para los habitantes de Puente Sogamoso; desempleo falta de Salud; efectos visibles de agrotoxicos; medio ambiente sumetido a la economia trasnaciónal. Tambien la minería artesanal está bajo ataque de la gran minería que insiste por el desalojo de las comunidades. Así como la represa hidroelétrica de Sogamoso que tiene previsto inundar las zonas cercanas.Y el paramilitarismo, nunca desaparecido en esta zona, muy activo y peligroso, mientras siguen en la impunidad los crimines en este territorio y hay centenares de presos politicos integrantes de la protesta social.

NOR OCCIDENTE

NOROCCIDENTE
Los sindicalistas de muchas organizaciones de la zona, junto con CELES (centro de estudio laborales y economicos) denunciaron como las impresas siguien incentivando la violación de los derechos laborales: tercerizacion e intermediacion laboral; falta de control sobre la salud de los trabajadores; pactos colectivos para debilitar los acuerdos sindicales; atropello de parte de la fuerza publica. Tambien organizaciones de mujeres y de derechos humanos manifestaron que el asesinado y feminicidio siguien aumentando. En Medellin hay mucha detencion arbitraria de los ciudadanos que salen a la calle;el INPEC (isituto Penitenciario) obstaculiza el desarrollo de los derechos de los detenidos. En las zonas rurales el impacto de la gran minería afecta a todo lado y la población así se expresa: “NO A LA MINERÍA, SÍ A LA VIDA”

SurOccidente

SUR OCCIDENTE
La caravana abarcó estar en Cali, Bugalagrande, Armenia y Buenaventura. Organizaciones sociales y sindicales y indígenas que transmetieron su denuncias y acompañaron en la visita de conflicto laborales en SODEXO, COCACOLA, COMFANDI, donde la impunidad, perdida de derechos, desconocimientos de la ley, asesinatos, despidos masivos, violación a la libre asociación sindical, terceriziación y promoción de sindicatos patronales representan la normalidad. En Cali hay barrios pobres donde los obligaron a tener deuda con banco financieros. Así como en el eje cafetero donde la falta de cumplimiento de acuerdos del paro agrario del 2013 afectas a miles de caficultores.
Lo que se suma a la intervención de NESTLÉ CON SU PROGRAMA NESPRESS. En fin la zona de Buenaventura con el puerto más grande y importante de Colombia, donde la crisis humanitaria y social subió a niveles tremendos. Paramilitares como Los Urabeños y La Empresa (afiliado de Los Rastrojos) están matando por el control territorial y tienen vínculos con poderosos intereses.A pesar de ser una de las ciudades más militarizadas en el país, la situación de seguridad pública sigue siendo horrible con asesinatos y descuartazamientos el pan de cada día.

Operai in lotta contro Nestlé

Lotta cntro Nestlélotta contro NestléSCIOPERO DI FATTO ALLA NESTLÉ
di Óscar Paciencia – 1 giugno 2012
A Bugalagrande, piccolo centro di ventimila abitanti, situato nel Valle del Cauca, esiste la più grande delle cinque fabbriche Nestlé presenti in Colombia. Da aprile di quest’anno il sindacato alimentarista SINALTRAINAL ha intrapreso un intensa lotta contro la precarizzazione in generale ed in particolare per il ripristino della uguaglianza retributiva tra lavoratori, per gli investimenti sociali dovuti dall’impresa alla comunità, per il ripristino del fondo adoperato dai lavoratori per l’acquisto della casa e per tutelare le condizioni di salute dei dipendenti e delle loro famiglie. Nel tentativo di convincere Nestlé a prendere in considerazione le rivendicazioni del SINALTRAINAL, Javier Correa, presidente del sindacato, ha scrtto al presidente della repubblica Manuel Santos. Nestlè, che ha minacciato di mandare la polizia antisommossa per sgomberare la protesta, occupa a Bugalagrande circa 750 lavoratori, mentre in tutte le strutture dell’impresa distribuite nel Valle del Cauca i dipendenti sono in totale circa 1200. … continua…

Dignità indigena

minga indigenaminga in caliLA DIGNITÁ INDIGENA ARRIVA A CALI
di Óscar Paciencia – 25 ottobre 2008
Dopo oltre cento chilometri percorsi a piedi, da La Maria Piendamó fino a Cali, e dopo 15 giorni di mobilitazione in oltre 15 dipartimenti del paese,nonostante i tre morti e gli oltre 200 feriti, con centinaia di arresti, la Minga Indigena e Popolare arriva nella capitale del Dipartimento del Valle del Cauca. Sono oltre 40000 e rivendicano in cinque punti la propria dignitá, e quella del popolo colombaino nel la sua interezza.
Ricostruire nella memoria collettiva che dal 1492 gli continuano ad essere sterminati; Difender la vita e i diritti territoriali, politici ambientali ed alimentari; Rifiutare la illegittimitá e illegalitá di questo governo alleato col paramilitarismo; Diritti umani conservati e pace per tutti; Liberare la Madre Terra, dato che fin quando sará sottomessa e distruttua non ci sará futuro per nessuno. Questi in sintesi gli obiettivi.
Come spiega NASA ACIN (Associazione Nazionale Indigena Nord del Cauca), organo del governo indigeno, “La Minga di Resistenza Sociale e Comunitaria del SudOccidente Colombiano stá facendo la storia in Colombia. Quando la gente si accorge che stá facendo la storia, sta molto bene. Quando il popolo sa che sta scrivendo la storia, non é interssato alle piccole conquiste. Per questo, la Minga non viene a negoziare con Uribe. Non andiamo a negoziare nulla! Quello che viene a fare la Minga é smascherare di fornte al mondo la politica di guerra e di terrore che questo governo sta utilizzando contro tutti coloro che reclamano i loro diritti. Stiamo rendendo evidenti i crimini di Uribe e la illegittimitá del suo regimo narco-mafioso e paramilitare“.


video nasa acin plan colombia IIPIANO DI AGGRESSIONE CONTRO IL CAUCA

video video a cura di NASA – ACIN
Documentario Nasa Acin, un chiaro e contundente riflesso della realtá dei popoli indigeni. Realtá che ha portato alla mobilitazione piú grande degli iultimi anni neltentativo di recuperare il territorio.


DICHIARAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

DICHIARAZIONE PARLAMENTARE SULLA REPRESSIONE AI MOVIMENTI INDIGENI E SINDACALI IN COLOMBIA

Parlamento Europeo, Strasburgo, 22 ottobre 2008
Noi, deputati europei che firmiamo, siamo stati informati della repressione perpetrata contro le manifestazioni indigene che si effettuano dal 12 Ottobre in diversi dipartimenti della Colombia che ha già privato della vita di 27 indigeni, vari desaparecidos e numerosi feriti, e la repressione contro il movimento sindacale dei tagliatori di canna da zucchero iniziati nel mese di Settembre.
Vogliamo esprimere la nostra più profonda indignazione per queste gravi violazioni ai diritti indigeni e sindacali che non possono rimanere impuniti.
Consideriamo legittime le rivendicazioni degli indigeni affinché vengano rispettati i loro territori e la loro autonomia, per la sopravvivenza delle loro 102 etnie, delle quali 18 sono in pericolo imminente di sparizione e per lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali. Egualmente riconosciamo la legittimità delle rivendicazioni dei tagliatori di canna per un lavoro degno.

 

Zucchero!

tipiace lo zucchero37 GIORNI DI SCIOPERO DEI CORTEROS DE CAÑA
BLOCCO TOTALE DELLA PRODUZIONE DI ZUCCHERO ED ETANOLO NEL DIPARTIMENTO DEL VALLE DEL CAUCA
I lavoratori dell’industria dello zucchero del dipartimento del Valle del Cauca stanno conducendo da oltre un mese una decisiva battaglia per ottenere condizioni lavorative degne, che permettano loro ed alle loro famiglie di vivere dignitosamente. Dei 12 ingenios (fabbriche per la produzione di zucchero ed etanolo) 8 sono bloccati da 37 giorni dalla protesta e dallo sciopero ininterrotto di oltre 12500 corteros de caña (operai del campo impiegati nel taglio della canna da zucchero). Questi lavoratori che per 12-14 ore al giorno, per tutti i giorni della settimana, guadagnando dagli 200000 ai 400000 pesos mensili (circa 90/180 euro), costretti a pagarsi gli utensili, le divise ed i trasporti, senza nessuna protezione assicurativa, né sociale né sanitaria, senza contratto di lavoro, immersi nelle piantagioni bollenti ed umide d’estate cosí come sotto torrenziali acquazzoni, tormentati da miriadi di zanzare, mosche e ragni di ogni specie, con l’apparato scheletrico completamente malmesso… questa gente di colore (la maggiorparte) ha detto il suo YA BASTA il 15 di settembre di quest’anno, quando ha imposto ad ASOCAÑA (l’associazione degli impresari dello zucchero) la propria esistenza, come lavoratori, ma anche come esseri umani. La condizione di schiavi moderni alla quale le varie proprietá degli ingenios li sottoponevano é completamente chiara nella testa di tutti questi lavoratori, nonostante la solita, scontata, repentina, brutale risposta violenta delle forze dell’ordine e dell’esercito che, agli ordini dipersone in abiti civili non identificate, hanno picchiato, bastonato e incarcerato alcuni scioperanti.


paroIMMAGINI DELLA PROTESTA
di óscar paciencia
da Providencia, Tumaco, Castilla, Mayaguez, Pichichi
17-22 ottobre 2008

[foto]


Documento di sintesi delle problematiche relative allo sciopero
IL FUTURO E’ NOSTRO. VIVA IL PARO CAÑERO!
obreroValle del Cauca, 8 ottobre 2008
da SINALTRAINAL
traduzione di Alicerebelde
Il 15 settembre del 2008 dopo aver realizzato varie mobilitazioni, sessione del congresso e riunioni (assemblee, udienze, tavole rotonde), 12.500 lavoratori tagliatori di canna da zucchero di 8 stabilimenti produttori di zucchero ed etanolo hanno deciso di entrare in sciopero a seguito della risposta negativa di ASOCAÑA per risolvere il plico di petizioni presentato il 14 luglio 2008 da Sinaltrainal, Sinaltaglioros, la Centrale Unitaria dei Lavoratori di Colombia “CUT” sezione del Valle del Cauca ed i comitati di lavoratori tagliatori.

[Versione IT] [Version ES]


AZIONE URGENTE
CONTINUA LA PERSECUZIONE AI TAGLIATORI DI CANNA E AL SENATORE ALEXANDER LOPEZ
obrero21 ottobre 2008
da Organizzazioni
traduzione di Alicerebelde

Privati della libertà i leader dei tagliatori di canna OSCAR DE J. BEDOYA MUÑOZ, OMAR ENRIQUE SEDANO GARCÍA E JOSÉ ONEY VALENCIA LLANOS ed inoltre ALBERTO BEJARANO SCHIESS e JUAN PABLO OCHOA, Consulente Del Senatore ALEXANDER LÓPEZ MAYA
Noi organizzazioni sotto firmatarie ci dirigiamo alla comunità nazionale ed internazionale, agli organismi intergovernamentali di diritti umani ed ai movimenti sociali, al fine di denunciare le nuove strategie dello Stato colombiano tendenti a perseguire le giuste lotte dei lavoratori tagliatori di canna e l’appoggio legale e legittimo che hanno offerto agli stessi il Senatore Alexander López Maya ed i membri della sua Unità Tecnica Legislativa.
Oggi alle dieci della mattina, i leader tagliatori di canna Oscar di J. Bedoya Muñoz, Omar Enrique Sedano García e José Oney Valencia Llanos ed Alberto Bejarano Schiess e Juan Pablo Ochoa, consulente del senatore Alexander López Maya, si sono presentati volontariamente, in compagnia di più di 50 leader, davanti al Corpo Tecnico di Investigazione della Procura Generale della Nazione, dove sono stati privati della libertà.

 


AZIONE URGENTE

LO SQUADRONE MOBILE ANTISOMMOSSA DELLA POLIZIA, ESMAD, SI SCAGLIA CONTRO I LAVORATORI DEGLI STAMIBLIMENTI ZUCCHERIERI DELLA VALLE DEL CAUCA

 

feritoPalmira, 25 settembre 2008
da Movimento dei Lavoratori della canna da zucchero (e altri)
traduzione di Alicerebelde

Le organizzazioni sotto firmatarie denunciano davanti alla comunità nazionale ed internazionale le aggressioni delle quali sono stati oggetto nell’alba del giorno di oggi i lavoratori dell’Industria della Canna di Zucchero e segnalano che le organizzazioni di diritti umani sono state aggredite verbalmente e sono state ostacolate da parte della Forza Pubblica (Polizia Nazionale ed Esercito Nazionale) nei loro tentativi di verificare i fatti.I
All’alba del giorno di oggi 25 settembre 2008, alle 4:30 di mattina truppe appartenenti allo Squadrone Mobile Antisommossa della Polizia Nazionale, approssimativamente circa 130 effettivi, hanno circondato gli stabilimenti Providencia (100) e Central Tumaco (30), e senza ragione alcuna hanno attaccato i lavoratori con bombe di gas lacrimogeno, lasciando il seguente risultato:
FERITI NELLO STABILIMENTO CENTRAL TUMACO
1. – RUBEN DARÍO CÓRDOBA
2. – FRANKLIN MURILLO
3. – EDER CASERES
4. – HUGO PASCUAL
Denunciano inoltre che alle squadre di diritti umani dell’Associazione Nomadesc, alla Corporazione Giuridica Utopia, alla Segreteria di Diritti umani della CUT, si sta impedendo di compiere perfettamente il proprio mandato di prevenzione, protezione e difesa di diritti umani.

[Versione IT] [Version ES]


COMUNICATO STAMPA

LE MOGLI DEI LAVORATORI DI CANNA VIVRANNO VICINO AI LORO MARITI NEGLI ZUCCHERIFICI

obreroPalmira, 22 settembre 2008
da Movimento dei Lavoratori della canna da zucchero
traduzione di Alicerebelde
Più di 5.000 donne tra mogli e madri dei corteros di canna che hanno marciato oggi per le principali vie di Palmira, hanno annunciato che se questa settimana non ci sará una negoziazione tra il Movimento di Lavoratori dell’Industria della Canna di Zucchero 14 giugno ed Asocaña, accompagneranno i loro mariti nelle carpe ubicate all’entrata degli stabilimenti.
Il presidente della Centrale Unitaria dei Lavoratori CUT, Tarcisio Mora Godoy, é arrivato oggi ad accompagnare l’Assemblea Permenente che conta giá più di 12.000 corteros in questa regione del Paese ed ha condiviso la marcia delle donne nella cittadina di Palmas. Nel suo intervento il leader sindacale ha annunciato appoggi logistici nazionali ed internazionali a sostegno dell’Assemblea. “Questo sciopero non lo possiamo perdere e non lo perderemo a causa di mancanza di alimenti per i tagliatori, seminatori, minatori ed altri lavoratori che intervengono nell’industria zuccheriera.”


Quarto giorno di sciopero totale dei corteros
SI RAFFORZA LO SCIOPERO DEI LAVORATORI DELLA CANNA DA ZUCCHERO

obrero
Lunedí, 19 settembre 2008
da Direzione Nazionale SINALTRAINAL
traduzione di Alicerebelde
Nel quarto giorno di sciopero dei lavoratori cañeros della Valle del Cauca e Cauca il movimento continua a crescere. Operai dei torchi produttori di panela, trasportatori, mulattieri ed altri del sistema produttivo cominceranno la sospensione di attività nelle prossime ore. A questo si aggiunge l’immensa solidarietà delle popolazioni di vari municipi della regione, di contadini, indigeni, studenti della zona e del movimento sociale del resto del paese.
Questa situazione è la risposta degli operai del settore cañero e del paese della Colombia all’intransigenza di ASOCAÑA e dei patroni del settore zuccheriero che fino ad ora si sono negati alle trattative che permetterebbero di risolvere il conflitto lavorativo incominciato il passato 14 Luglio con la presentazione del fascicolo di petizioni.

Valle del Cauca, Cauca e Risaralda
ASSEMBLEA PERMANENTE CON SOSPENSIONE DELLE ATTIVITÁ IN TUTTI GLI ZUCCHERIFICI
Lunedí, 15 settembre 2008
da Movimento dei Lavoratori della canna da zucchero
traduzione di Alicerebelde
Assemblea Permanente con sospensione delle attività di semina, campo, mietitura e fabbricazione in tutte le imprese dello zucchero della Valle geografica del Fiume Cauca: Valle del Cauca, Cauca e Risaralda.
Il Comitato Coordinatore ed a suo nome la Commissione Negoziatrice del Movimento dei Lavoratori dell’industria della Canna da Zucchero 14 Giugno, informa la cittadinanza di Valle del Cauca, Cauca e Risaralda, l’opinione pubblica nazionale ed internazionale, che a partire da oggi, lunedì 15 di settembre, dalle 03:00 della mattina, abbiamo deciso di entrare in Assemblea Permanente con sospensione delle attività di semina, campo, mietitura e fabbricazione in tutte le imprese zuccheriere della Valle geografica del Fiume Cauca, data la risposta negativa dell’Associazione di coltivatori di Canna di Zucchero ASOCAÑA per negoziare coi lavoratori, dato il Fascicolo Unico delle Esigenze presentato il giorno 14 di Luglio di 2008 e dato che a dispetto delle multiple attività che abbiamo realizzato per cercare un tavolo di dialogo, le nostre solelcitazioni sono state ignorate.

[Versione IT] [Version ES]


ULTERIORI NOTIZIE SULLO SCIOPERO:

blog cañerossinaltrainalindy corteros


Indigeni in resistenza

minga indigenaMINGA NAZIONALE DI RESISTENZA INDIGENA

Nei dipartimenti di Guajira, Córdoba, Sucre, Atlántico, Chocó, Norte de Santander, Risaralda, Caldas, Quindío, Valle del Cauca, Cauca, Tolima,Huila, Casanare, Meta e Boyacá il Movimento Indigeno e popolare, da sei giorni sta rivendicando pacificamente la propria autonomia, la liberazione della ‘madre terra’, in difesa della vita e dei diritti territoriali, contro un governo legato al paramilitarismo. Mentre Uribe Velez dichiara lo stato di Conmoción Interior (che equivale ad uno stato di eccezione, ove tutti i poteri passano nelle sue mani), la sua polizia, con mezzi brutali ed arcaici, ferisce oltre 200 indigeni (di cui il 10% con proiettili) e ne uccide quattro.
Nella sola Panamericana all’altezza della cittá di La María, Piendamó (CAUCA), territorio di dialogo, negoziazione e convivenza del CRIC, si trovano oltre 20 mila indigeni di differenti luoghi del Cauca. La forza pubblica ha ucciso Mariano Morano Dizú, vittima di un colpo di fucile alla testa e ci sono almeno altri 20 feriti. Informano che lí ci sono anche individui in abiti civili che stanno sparnado contro gli indigeni.

BILANCIO PRIME SEI GIORNATE DELLA MINGA
da ONIC –  16 ottobre 2008

represion cauca

Durante le azioni intraprese dal movimento indigeno nei dipartimenti di Guajira, Córdoba, Sucre, Atlántico, Chocó, Norte de Santander, Risaralda, Caldas, Quindío, Valle del Cauca, Cauca, Tolima,Huila, Casanare, Meta e Boyacá, si stanno presentando nelle ultime ore fatti di enorme gravità che evidenziano le politiche repressive e di criminalización della protesta sociale intraprese dal Governo.
I fatti più gravi si vengono presentando in La María – Piendamó nel Cauca e nel municipio di Candelaria del Valle dove l’ESMAD, l’Esercito e la Polizia attaccano gli indigeni a colpi di fucile, gas lacrimogeni, tanquetas, elicotteri e persino a machete per reprimere la protesta.
Preoccupano inoltre le versioni date dai mezzi di comunicazione, ove si afferma che queste manifestazioni sono infiltrate dalle FARC, con lo scopo di legittimare l’offensiva militare e le morti degli indigeni che continuano ad essere annunciate con insistenza dalle organizzazioni indigene e per i diritti umani che sono stati al tanto di questa situazione purtroppo non nuova.
Ocorre ricordare che il 15 marzo nel Consiglio Comunitario realizzato a Popayán, il Presidente Álvaro Uribe ha offerto una ricompensa per la testa dei dirigenti delle popolazioni indigene presenti durante il processo della Liberazione della Madre Terra e da allora in colombia non ha cessato la violenza e la morte di indigeni
.

MOTIVAZIONI PER LA MINGA INDIGENA
da ONIC –  10 ottobre 2008

represion caucaI Popoli Indigeni e le loro autoritá convocano ai settori sociali, popolari e democratici della societá colombiana alla MINGA NAZIONALE DI RESISTENZA INDIGENA, una giornata di unitá comunitaria, sociale e popolare

I NOSTRI OBIETTIVI
1. Seminare nuovamente nella memoria collettiva che i Popoli Indigeni dal 1492 vengono sistematicamente sterminati, situazione che si é aggravata con le politiche dell’attuale governo.
2. Difendere la vita e i diritti territoriali, politici ambientali e alimentari.
3. RIfiutare la illegittimitá e illegalitá del governo e del congresso della Repubblica per essere legati al paramilitarismo.
4. Esiger il pieno sviluppo dei diritti umani e costruire tutti assieme un paese per tutti.
5. Liberare la >Madre Terra perché fino a che essa sarà sottomessa e distrutta non ci sarà futuro per nessuno.


INDEGENI EMBERA (CHOCÓ)
OCCUPANO LA DEFENSORIA IN QUIBDO

 

 

 

  Tutta la informazione sulla  Minga Indígena[ES]

Detenzioni arbitrarie

francesi detenutiDETENUTI TRE FRANCESI A PALMIRA – IL GOVERNO OSTACOLA LA LIBERA INFORMAZIONE SULLO SCIOPERO DEI LAVORATORI DELL’INDUSTRIA DELLA CANNA – CONTINUA LA PERSECUZIONE CONTRO LA COMUNITÁ INTERNAZIONALE

13 ottobre 2008

Da REDHER
Alle 12:45 circa di oggi 13 ottobre 2008 i cittadini francesi DAMIEN FELLOUS, con passaporto n. 07CI42976, JULIEN DUBOIS con passaporto n. 05EI56809 e JORIS PROT con passaporto n. 07CP21469, sono stati fermati da membri del DAS (Dipartimento Amministrativo di Sicurezza), mentre stavano realizzando un lavoro giornalistico
nei luoghi di concentrazione dei lavoratori dell’Industria della Canna di Zucchero. I giornalisti avevano effettuato la verifica delle condizioni dei lavoratori negli Impianti Manuelita e Providencia, di cui possedevano foto e doecumentazione informativa.parocañero
Questi fatti si presentano giusto nel momento in cui il governo annuncia indurire le misure di ordine pubblico contro i lavoratori dell’Industria della Canna da zucchero che si trovano in Assemblea Permanente con sospensione dell’ attività dal 15 settembre 2008, i lavoratori del Ramo Giudiziario che hanno cominciato il 1 settembre 2008 e nel momento in cui gli indigeni e contadini del Cauca, si trovano riuniti nella comunitá di María Piendamo, nella Minga per la Vita dal 12 ottobre 2008, dove hanno convocato il presidente Álvaro URIBE VELEZ, per le gravi minacce e crimini di lesa Umanità dei quali continuano ad essere vittime.

[verisone IT]   [versione ES]


ULTIMA ORA: Alla fne della storia JULIEN DUBOIS  e JORIS PROT sono stati espulsi, mentre il fotografo DAMIEN FELLOUS é stato rimesso in libertá.


Espulsa studentessa tedesca

federica espulsaESPULSA DALLA COLOMBIA LA RICERCATRICE
E PROFESSORESSA DI COMUNICAZIONE
CHRISTINA FRIEDERIKA MÜLLER

2 ottobre 2008
Dalla motivazione del Dipartimento Amministrativo di Sicurezza (DAS):

per aver messo in pericolo la sicurezza nazionale, l’ordine pubblico, la salute pubblica, la tranquillità sociale, la sicurezza pubblica, o quando esistano informazioni di intelligenza che indichino che rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale, l’ordine pubblico, la sicurezza pubblica o la tranquillità sociale" secondo il Dipartimento di Sicurezza DAS della Colombia."
I FATTI:
1. Il primo di ottobre 2008 alle 5:30 di p.m. approssimativamente la cittadina tedesca CHRISTINA FRIEDERIKE MÜLLER, si trovava transitando nella piazzola di San Francisco della città di Cali in compagnia di un membro del Comitato di Solidarietà coi Prigionieri Politici – Sezione Valle del Cauca e del Sindacato di Lavoratori dell’Industria Metallurgica SINTRAMETAL di Yumbo.
2. Mentre si stava disponendo ad abbandonare la piazzola é stata circondata da cinque (5) persone le quali, senza esibire alcun tipo di identificazione, manifestarono essere funzionari del Dipartimento Amministrativo di Sicurezza D.A.S, l’hanno interrogata sulle le ragioni della sua permanenza nel nostro paese. Immediatamente dette persone hanno provveduto a trasportarla nelle installazioni del D.A.S.

valleAzione Urgente

FINO A QUANDO CONTINUERÀ L’ASSALTO DELLA FORZA PUBBLICA CONTRO LA POPOLAZIONE DI FLORIDA Y PRADERA?

Ieri, 23 gennaio 2007 durante la notte, si sono presentati nuovamente fatti che attentano alla vita, all’integrità, alla libertà e alla dignità delle persone che vivono nel municipio di Florida, di nuovo le vittime sono contadini e indigeni dell’area rurale del municipio.
Durance le ore serali, tra le 18 e le 19, nell’area rurale del Municipo di Florida, mentre si stavano spostando da un luogo ad un altro, alcuni abitanti contadini ed indigeni della zona, sono stati aggrediti da militari appartenenti al Battaglione Codazzi di Palmira, che con rafiche di mitragliatore hanno sparato contro l’autobus (chivaassassinando il conducente, signor FABIO RAMÍREZ e lasciando altri due bambini feriti: CLAUDIA APONTE di cinque anni, attualmente a rischio di morte e CRISTIAN AGREDO APONTE di 13 anni, oltre alla signora ALICIA APONTE.

SANTIAGO DI CALI, 30 NOVEMBRE 2006
REPRESSIONE DELLA POLIZIA
CONTRO GLI STUDENTI DELLA UNIVERSITA’
DEL DIPARTIMENTO di VALLE DEL CAUCA.
Juan Hurtado
Traduzione di Oscar Paciencia

La Fondazione Comitato di Solidarietà con i Prigionieri Politici, CSPP – Dipartimento del Valle – inviano un S.O.S. alla comunità nazionale ed internazionale, alle organizzazioni per i diritti umani e le organizzazioni sociali affinché si solidarizzino con la comunità studentesca, lavoratrice e di professori dell’università del Valle ubicata nella città di Cali, Colombia; che nel momento di iniziare una giornata di protesta, sono stati duramente repressi da membri della polizia nazionale, squadrone antiterrorista , che in questo momento presenziavano nelle vicinanze della città universitaria e che, rendendosi conto della giornata di protesta, l’hanno assaltata, sparando raffiche di fucile verso l’interno dell’Alma Mater; ciò ha prodotto uno stato di panico tremendo in tutta la zona universitaria e negli studenti che partecipavano alla giornata di protesta.

Denuncia della FCSPP    [versione IT]   [version ES]