Quale pace per i minatori?

logo paro minero

Murales paz

di Oscar Paciencia
1 settembre 2017
Ci sono voluti 42 giorni di sciopero generale continuato; miniere d’oro deserte; negozi chiusi scuole distrutte; tre morti ufficiali e altre tre non contabilizzate; oltre 50 feriti e 20 arresti; centinaia di persone sfollate dalle loro abitazioni. E’ stata necessaria la pazienza della Mesa Minera e degli ottantamila abitanti tra Segovia e Remedios (piccole cittadine nel nordest di Antioquia), ma anche la loro determinazione nel resistere all’incursione della polizia, dei battaglioni speciali dell’ESMAD – Escuadrón Móvil Antidisturbios – autori dei tre omicidi e dei gruppi paramilitari, mai estinti in questa zona del Paese. Infine la resistenza civile, attrezzata a sopportare la mancanza di alimenti, inventandosi 36 cucine comunitarie sparse per Segovia e foraggiate dalla solidarietá; mantenendo in funzione l’unico centro di salute presente, costantemente circondato dalle forze dell’ordine; permettendo lo svago ai ragazzini e alle ragazzine proponendo attivitá ricreative.
Alla fine la disputa tra i minatori tradizionali di Segovia e Remedios da un lato e il governo nazionale, dipartimentale, l’impresa Gran Colombia Gold (canadese) dall’altro si é conclusa con la firma di un accordo accettato dai minatori e dalla Mesa Minera , loro rappresentante.
Rimane peró una domanda: se la Colombia ha fatto la pace con le FARC e (pare) si appresta a farla con l’ELN, di quale pace si tratta? Quali cambiamenti apporta questa pace nei territori, nell’economia, nella gestione dei conflitti, nelle rivendicazioni, nella convivenza, se occorrono ancora morti, sfollamenti, saccheggi, distruzioni provocati dallo stato?
E’ possibile considerare in pace i municipi di Segovia e Remedios?
PARO MINERO EN SEGOVIA Y REMEDIOS: CONTRA EL DESPOJO POR LA DIGNIDAD
por Fernando Álvarez de ASOVISNA
28 de agosto 2017
Los municipios de Remedios y Segovia se han caracterizado por su vocación minera. De las profundidades de su suelo se extrae metal precioso, oro, desde mediados del siglo XIX. Allí tuvieron asiento compañías mineras extranjeras, la última, Frontino Gold Mines dató de 1927, pero en 1975 se declaró en quiebra y en 1977 firmó un acuerdo concordatario que dejaba la empresa en dación de pago a pensionados y trabajadores, con administradores colombianos y la responsabilidad de crear un fondo para asegurar las pensiones adquiridas y las que se sucedieran a futuro. Una vez estableciera el fondo la empresa pasaría a mano de los trabajadores.

fotosegovia

Por lo caminos de Colombia

logo caravana global

Murales paz

di Oscar Paciencia
17 maggio 2014
Después de diez días de actividades en cinco regiones de Colombia (Costa Norte, Nororiente, Noroccidente, Suroccidente, Centro), la Caravana por la Paz y la Democracia en Colombia, integrada por ciudadanos solidarios de australianos, estadounidenses, franceses, suizos, alemanes, italianos y chilenos, pudo ver lo que las condiciones de vida de la gente, los campesinos, los estudiantes, los trabajadores, la industria y el comercio los trabajadores, pescadores y maestros indígenas siguen siendo muy afectados, ya que están rodeados por una guerra sin fin, la codicia de las corporaciones multinacionales que saquea sin parar el territorio, los grupos paramilitares que, en lugar de ser desmantelados, siguen matando selectivamente a líderes comunitarios, defensores de derechos humanos, sindicalistas.
Y También se ha podido observar en las reuniones con la Vicepresidencia de la República (Angelino Garzón) y la Defensoría del Pueblo, la impotencia de estos organismos atrapados por mecanismos formales o ineficaz.
De Buenaventura a Santa Marta, de Bugalagrande a Medellín, desde Barrancabermeja a Riohacha la mirada es la misma: el abuso, la destrucción del medio ambiente, las amenazas, el asesinato, el abandono. Por el momento, el proceso de diálogo en curso en La Habana, entre las FARC -EP y el gobierno de Santos no produjo resultados visibles. Nisiquiera un alto el fuego bilateral por lo menos durante las conversaciones.
Sin embargo, las trochas, veredas y caminos, las calles y plazas de este Pais se llenaron en estos días de protestas convocadas por muchas organizaciones y movimientos sociales: PARO AGRARIO Nacional, Étnico y Popular, lo que demuestra (por si hubiera dudas) que aquel Pueblo no fué aniquilado, que la determinación de un cambio social necesario aún está presente.
Y que este cambio nos pertenece y nos convoca.

DECLARACIÓN POLITICA DE LA CARAVANA
Bogotá, Colombia
30 de abril 2014
Delegados y delegadas de organizaciones sindicales, defensoras de derechos humanos y colectivos de solidaridad con Colombia de Estados Unidos, Suiza, Chile, Australia, Italia, Alemania, Francia, invitados por Sinaltrainal, Fundación La Otra Esquina, CELES, La Red de Lucha contra el Hambre y la Pobreza y el Movimiento Unidad, Paz y Democracia, realizamos una gira por varias regiones de Colombia, con el propósito de reunirnos con las comunidades y sus organizaciones, para examinar los impactos de la política del estado y las Multinacionales en sus vidas y en el país.

Costa Norte

COSTA NORTE
Lo documentado por los Caravanistas: problemática de las mega construcciones para hoteles y apartamentos en Rodadero (Santa Marta) que empactan el paisaje, los ecosistemas, el suministro de agua y las aguas negras. Falta de agua por la sequía y debido al cargue directo de carbón en el puerto de Sta. Marta, que afecta con su polvo toda la ciudad. Trabajadores tercerizados en empresas multinacionales en todas la Región. Esterminio por hambre de los indígenas Wayuu, sobretodo niños. Pescadores afectados en los municipios de Sta. Marta, Ciénaga y Taganga. Comunidad de Palmira, mpio. Pueblo Viejo donde la gente vive en medio y sobre la basura y las aguas negras. La comunidad de El Tamarindo (Barranquilla), desplazados y amenazados por la familla Char, una de las mas poderosa de Colombia.

Oscar Paciencia 25 de abril 2014

Entrevista a sindicalista SINALTRAINAL amenazado y desplazado
Wilson Castro Padilla, por amenazas de muerte y el intento de desconocidos de ingresar a su casa en las horas de la madrugada fue desplazado de la ciudad de Cartagena, la empresa Coca Cola se negó a reubicarlo en la ciudad de Bogotá y toco acudir al juez de tutela que ordeno a la empresa reubicarlo en esta ciudad y Coca Cola apeló la decisión del Juez y la decisión fue confirmada, pero la empresa lo tiene ubicado en un sitio aislado y que no corresponde con la actividad que realizaba en Cartagena. Video versión [ES]

Oscar Paciencia 27 de abril 2014

Pescador de Donjaca y el carbon de Drummond
El man cuenta de la vida de las pequeña comunidad de Donjaca, de como es la vida a cerca de la esplotación del carbon por parte de Drummond y Prodeco. Prodeco empezó a cargar cerca (están Puerto Drummond, Puerto Vale y Puerto Nuevo) y por la contaminación con el polvillo ya no hay cultivos ni suficiente pesca. Antes de la carga de carbón pescaron hasta 2 toneladas/semana, hoy pescan 2 kg por dia. Además, por el peligro de ser atropellado por un buque, los pescadores ya no salen a pescar de noche. Hoy el pueblo no tiene agua potable (tienen pozos), algunas casas no tienen ni letrinas mientras que otras tienen pozos sépticos. Nunca han tenido un puesto de salud, tienen una escuela hasta 9° pero los profes no son buenos y luego los jóvenes se quedan sin hacer nada. Video versión [ES]

Oscar Paciencia 27 de abril 2014

¿Tienes sed?
En Donjaca, pequeño pueblo cerca de Santa Marta, feudo de la Drummond y su carbón, el agua potable no es un derecho. Se tiene que cavar enormes agujeros en su búsqueda. Y toca esperar de no haberse equivocado: tocaría tirar a la basura un año de trabajo manual. Video versión [ES]

NOR ORIENTE

NOR ORIENTE
Los caravanistas han podido constatar que una inmensa parte del territorio del Magdalena Medio está cultivada practicamente solo con palma aceitera (para combustible) en donde siete grandes empresas se acaparraron el terreno. La zona se presenta completamente deforestada. Ataques en contra de sindicatos por paramilitares, atraves de atropellos labrales y despidos; falta de agua para los habitantes de Puente Sogamoso; desempleo falta de Salud; efectos visibles de agrotoxicos; medio ambiente sumetido a la economia trasnaciónal. Tambien la minería artesanal está bajo ataque de la gran minería que insiste por el desalojo de las comunidades. Así como la represa hidroelétrica de Sogamoso que tiene previsto inundar las zonas cercanas.Y el paramilitarismo, nunca desaparecido en esta zona, muy activo y peligroso, mientras siguen en la impunidad los crimines en este territorio y hay centenares de presos politicos integrantes de la protesta social.

NOR OCCIDENTE

NOROCCIDENTE
Los sindicalistas de muchas organizaciones de la zona, junto con CELES (centro de estudio laborales y economicos) denunciaron como las impresas siguien incentivando la violación de los derechos laborales: tercerizacion e intermediacion laboral; falta de control sobre la salud de los trabajadores; pactos colectivos para debilitar los acuerdos sindicales; atropello de parte de la fuerza publica. Tambien organizaciones de mujeres y de derechos humanos manifestaron que el asesinado y feminicidio siguien aumentando. En Medellin hay mucha detencion arbitraria de los ciudadanos que salen a la calle;el INPEC (isituto Penitenciario) obstaculiza el desarrollo de los derechos de los detenidos. En las zonas rurales el impacto de la gran minería afecta a todo lado y la población así se expresa: “NO A LA MINERÍA, SÍ A LA VIDA”

SurOccidente

SUR OCCIDENTE
La caravana abarcó estar en Cali, Bugalagrande, Armenia y Buenaventura. Organizaciones sociales y sindicales y indígenas que transmetieron su denuncias y acompañaron en la visita de conflicto laborales en SODEXO, COCACOLA, COMFANDI, donde la impunidad, perdida de derechos, desconocimientos de la ley, asesinatos, despidos masivos, violación a la libre asociación sindical, terceriziación y promoción de sindicatos patronales representan la normalidad. En Cali hay barrios pobres donde los obligaron a tener deuda con banco financieros. Así como en el eje cafetero donde la falta de cumplimiento de acuerdos del paro agrario del 2013 afectas a miles de caficultores.
Lo que se suma a la intervención de NESTLÉ CON SU PROGRAMA NESPRESS. En fin la zona de Buenaventura con el puerto más grande y importante de Colombia, donde la crisis humanitaria y social subió a niveles tremendos. Paramilitares como Los Urabeños y La Empresa (afiliado de Los Rastrojos) están matando por el control territorial y tienen vínculos con poderosos intereses.A pesar de ser una de las ciudades más militarizadas en el país, la situación de seguridad pública sigue siendo horrible con asesinatos y descuartazamientos el pan de cada día.

Libro fotografico

Caminando Colombia

imágines por Oscar Paciencia. Textos por Juan David Lopera López
Diez años a través de Colombia, herida, nunca derrotada.
fotografías 2003 – 2012
Las ciudades con sus miserias y sus manifestaciones de resistencia popular; el Sur de Bolívar con sus explotaciones mineras, junto a las comunidades indígenas y campesinas; Arauca, en medio de un conflicto armado y social intenso, que, sin embargo, no ha desmembrado completamente la esperanza de su gente; el Valle del Cauca con sus múltiples trenzas y sus risas; las periferias con sus expresiones de alegría, luchas y perseverancias, y la Colombia toda, mostrando abiertamente cómo ha sido desangrada por la injusticia social, las políticas extractivistas de sus gobiernos, las corporaciones trasnacionales y un conflicto armado que ha engullido a la población de a pié en casi todos los rincones de su territorio. Un territorio que se traduce, no obstante, en cada sonrisa, baile, canto, semilla, río y montaña, defendido y amado por sus habitantes, en una lucha incansable y digna, en un caminar constante hacia el horizonte soñado. Recorriendo todo esto, también, desde el corazón a la cabeza. Subiendo la gran emoción que la gente de este País provoca hasta la voluntad, racional y transformadora. Un camino irreversible, compartido, nunca terminado.

Imágines y Textos de Caminando Colombia

El libro
imágines y textos
Bologna, Medellin, Bilbao. Settembre 2012 – gennaio 2014
Este libro no es sólo el recorrido por un país a través de sus imágenes, es aún más importante: es la posibilidad de mirarnos a nosotras y nosotros mismos en los pasos, ojos, tristezas y alegrías de tantos hermanos y hermanas que a diario construyen el país en medio de adversidades y sacrificios, pero también de sueños y fortalezas.

ELN e i dialoghi di pace

Intervista a Gabino

LE INSIDIE DELLA PACE
da ELN – VOCES
lunedì 10 settembre 2012
Abbiamo già esposto le difficoltà che occorre superare, per un cammino verso la pace ee in questa settimana abbondano gli esempi, ma non per questo perdiamo la fiducia, al contrario, riaffermiamo il nostro impegno nella monumentale impresa.
Se abbiamo resistito mezzo secolo di guerra, continuare cercando la pace, continua ad essere la nostra scommessa. In ciò ci incoraggiano milioni di umili di questa patria ferita e macchiata a coloro i quali è stato negato questo diritto, consacrato nella Costituzione Nazionale, fino ad ora solo come ornamento.
Nei giorni scorsi, il presidente Santos, ci ha pubblicamente convocati a partecipare al processo di pace, e intendiamo il suo appello come una risposta ai nostri reiterati solleciti ed esigenze, per iniziare questa strada
LA PACE CHE TUTTI VOGLIAMO MA CHE E’ TANTO SFUGGENTE
da ELN – VOCES
martedì 4 settembre 2012
E’ positivo l’annuncio di pace da parte del Presidente, dopo i suoi recenti e ripetuti proclami di chiamata alla guerra.
L’urgenza della pace è stato rivendicato da ampie maggioranze durante tutto il tempo di questo conflitto fratricida, attraverso tutte le loro forme di lotta; quindi per coloro che come noi sono dalla parte di questa maggioranza, l’annuncio del Presidente è positivo così come tutte le espressioni di sostegno per la pace in Colombia provenienti da ogni angolo del paese e della comunità internazionale, molto di più quando alcune sono espressioni teoriche e altre, le più importanti, azioni di governi e di popoli che, con un atteggiamento saggio e coraggioso, assumono responsabilità di lavorare per gli aneliti di pace di tutte e di tutti i colombiani.

Immagini degli accampamenti FGO eleni in Arauca

IMMAGINI DEL FRONTE DI GUERRA ORIENTALE DELL’ELN NEGLI LLANOS ARAUCANI
foto di óscar paciencia
Arauca, 7-11 settembre 2012
Negli accampamenti dei guerriglieri Eleni nelle pianure – llanos – del dipartimento di Arauca. La vita quotidiana. L’addestramento. Il dogma delle armi. Ragazze e ragazzi addestrati a resistere ai capricci del tempo e alle trappole della natura. Rosso e nero ovunque, che si mescola al verde della selva.

Nel Morro di Moravia

logo moravia resiste

LA COMUNITA’ DEL QUARTIERE MORAVIA, ESIGE NUOVE CASE PRMA DI ESSERE SGOMBERATA
Corporacion Juridica Libertad / Mesa interbarrial de desonectados de Medellin
Medellin, 23 agosto 2012
Il giorno 17 agosto di 2010, l’Ispezione di Polizia Urbana della città di Medellin ascritta alla Segreteria di Governo Municipale, notificò a tre famiglie abitanti del Morro di Moravia (collina creata dal’accumularsi di spazzatura in 50 anni)l’ Evacuazione Definitiva per il giorno 23 di agosto dalle 8 del mattino, sulla base alla risoluzione Nº 234, del 10 di agosto di 2010, dove si segnalano 21 famiglie attualmente lì residenti a cui viene ordinata l’evacuazione definitiva delle loro abitazioni. Di queste 21 famiglie, solo a tre è stata al momento notificata lo sgombero nelle dovute forma.

IMMAGINI e VIDEO DELLA GIORNATA

Video e immagini a cura di Creacionlibertaria
Medellin 23 agosto 2012
Il 23 agosto scorso, vari collettivi e organizzazioni hanno accompagnato questa azione di resistenza contro gli sfratti e per una dimora degna.

disegno di moraviaGLI ABITANTI DI MORAVIA SI LAMENTANO DEGLI SFRATTI VIOLENTI
17 agosto 2012
“I Paparini”, come sono conosciuti Luis Enrique Roldán e María Serna, non ricordano quanto tempo è passato da quando si giurarono amore eterno dal primo scambio timido di sguardi, fino agli anni nascosti tra le rughe si sono sciolti nelle loro memorie. Tuttavia, i loro aneddoti obbligano a ritornare a grandi passi alla storia nazionale fino ad arrivare alla lontana gioventù nella quale si emozionavano ai discorsi di Jorge Eliécer Gaitán che credevano capace di offrire soluzioni vere al problema della fame e della miseria che esisteva allora nei campi nelle città colombiane.

Huila: Minga Indigena e Contadina

logo minga indigena contadna

MOVIMENTO PER LA LIBERAZIONE E DIFESA DELLA MADRE TERRA
Indigeni appartenenti ai tre Popoli del Huila – Yanaconas, Nasas y Guambianos- raggruppati nel CRIHU (Consiglio Regionale Indigeno Huila), contadini di ASOQUIMBO e Pastoral Social, per nove giorni hanno occupato i dintorni del chilometro 59 della strada che da Gigante porta a El Hobo, nel Huila meridionale. La quebrada del Pescador, oggi completamente secca, con alberi ridotti a tronchi senza vita a seguito della costruzione della diga di Betania, ha ospitato il grande accampamento di oltre 2000 persone. Gente arrivata da innumerevoli resguardos indigeni, veredas e municipi che verranno colpiti dalla costruzione – già avviata – di una seconda diga, EL QUIMBO. All’inizio dell’anno, le forti proteste sono state duramente represse dall’esercito e dalla Polizia antisommossa ESMAD, al servizio della multinazionale EMGESA a capitale maggioritario ENEL.

immagini della minga indigena contadina

IMMAGINI DELLE GIORNATE DI RESISTENZA
foto di óscar paciencia
Huila, 5-15 agosto 2012
Nove giorni di occupazione presso la Quebrada del Pescador, municipio di EL Hobo. Blocchi stradali intermittenti. Attacchi brutali dell’ESMAD: 7 poliziotti, 23 manifestanti feriti. Dialogo e impegni governativi firmati.
La LOCAmotora minero-energetica [ES]

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Accordi tra Minga in resistenza e Governo Nazionale [Versione IT]    [Versión ES]
Oscar Paciencia 19 agosto 2012

MINGA: 14 agosto 2012
Dopo gli scontri di lunedì 13 agosto, due polizziotti dello squadrone antisommossa (ESMAD) sono stati fatti prigionieri dagli indigeni e contadini che partecipano della Mobilitazione per la liberazione e difesa dela Madre Tierra in località Puente del Pescador, HUILA. Il coordinatore della Guardia Indigena mostra i caricatori per pistla da 9 mm trovati nella borsa di un poliziotto. Versión [ES]
disegno quimbo polizia

COMUNICATO MINGA
14 agosto 2012
Il Movimento per la Liberazione e Difesa della Madre Terra ratifica che la Minga si mantiene in Assemblea Permanente nella zona del Ponte Il Pescatore del Municipio di Hobo Huila per:
1. la difesa del territorio, le risorse naturali, il fiume Magdalena, il Massiccio Colombiano, il Páramo di Miraflores e le comunità colpite dai megaprogetti minerario-energetici;
2. il ritiro delle transnazionali dal territorio (Endesa Enel, Emerald Energy, Hydrochina, tra altre;
3. l’accesso alla terra per contadini e indigeni;
4. la soluzione politica al conflitto armato ed il controllo sovrano ed autonomo sui nostri territori.
Radiogiornale da Neiva, Huila. 14 agosto 2012 [ES]

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Oscar Paciencia 20 agosto 2012

MINGA: 13 agosto 2012. GLI SCONTRI

La Minga per la Liberazione e Difesa della Madre Terra occupa nuovamente la strada al km 59, tra Gigante e El Hobo. Migliaia tra indigeni e contadinisi posizionano lungo 500 metri della strada, bloccando completamente il traffico per oltre cinque ore. Saranno cinque ore di scontri tenaci con l’ESMAD. Verranno ritrovati 4 bossoli da 7,65. Versión [ES]

Oscar Paciencia 19 agosto 2012

MINGA: 13 agosto 2012
Testimonianze di due contadini del municipio El Agrado. Il primo, colpito ripetutamente quando già a terra, ha rischiato di essere ucciso dall’ESMAD. Il secondo ferito da particlari proiettili di gomma dura sparati a bruciapelo con i lancialacrimogeni. Immagini di alcuni feriti durante gli scontri. Versión [ES]
Movilizacionquimbo 18 agosto 2012

MINGA: 11 agosto 2012
Alle 18,30 del sabato i Contadini di ASOQUIMBO ed indigeni del CRIHU, hanno sgomberato la strada, dopo 3 ore di blocco, a seguito della forte pressione della polizia decisi fare uso smisurato della forza e perché così avevano deciso le autorità tradizionali e i dirigenti di ASOQUIMBO. Versión [ES]
Oscar Paciencia 19 agosto 2012

MINGA: 10 agosto 2012
Nel primo giorno della Minga Indigena e Campesina per la Liberazione e la Difesa della Madre Tierra, il presidente del Consiglio Regionale Indigeno del Huila, racconta quali saranno le attività della giornata, il rapporto con le multinazionali e il coordinamento con i contadini. Versión [ES]
Behiquealto 12 agosto 2012

MINGA: 10 agosto 2012
Verso le 9 iniziano i blocchi del traffco su di una carreggiata in direzione El Hobo, della via nazionale. Circa 400 – 500 metri di strada sono occupati da una folta fila di indigeni e contadini che, passando di mano in mano una lunghissima corda, producono un gran rallentamento del traffico. Poi anche l’altra carreggiata viene bloccata. Verso le 13 arriva il Segretario di governo dipartimentale, la Defensoria del Pueblo e il Colonnello della Poliza Pelaez. Versión [ES]
Movilizacionquimbo 9 agosto 2012

MOTIVAZIONI DELLA MINGA
…difesa del territorio, le risorse naturali, il fiume Magdalena, il Massiccio Colombiano, il Páramo di Miraflores e le comunità colpite dai megaprogetti minerario-energetici; il ritiro delle transnazionali dal territorio; l’accesso alla terra per contadini e indigeni; la soluzione politica al conflitto armato … Versión [ES]

Via le multinazionali minerarie!

logo mineria energetica

La manifestazione a Bogotà è stata una delle oltre 20 che in altrettante città nazionali ed internazionali si sono svolte in contemporanea. Seppure in città la partecipazione non è stata esorbitante dal punto di vista numerico, sicuramente dal punto di vista qualitativo è sicuramente riuscita a far arrivare forte e chiaro il messaggio: fuori dalla Colombia le multinazionali che impoveriscono la popolazione, distruggono il territorio, propiziano la violenza indiretta e diretta, rendendo subalterno un intero Paese. Estraggono di tutto (o vorrebbero farlo): oro, carbone, coltan, stagno, acciaio, nichel, materiali per costruzione; oppure devastano le sorgenti idriche prospettando dighe immense, la cui produzione di energia elettrica è destinata oltre confine.

immagini della mobilitazione

IMMAGINI DELLA MANIFESTAZIONE
foto di óscar paciencia
Bogotà 1 agosto 2012
La mobilitazone in città di varie migliaia di persne: sindacati, studenti, organizzazioni contadine ed indigene, oltre a gruppi attivi nel contrastare la grande industria mineraria trasnazionale, come RECLAME.
Consignas de la marcha [ES]

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Palabras en la calle [ES]

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

OMCI – 1 de agosto de 2012
MANIFESTAZIONE IN BUCARAMANGA
El área Metropolitana de Bucaramanga se movilizo Contra la Megamineria y por la Defensa del Agua, este 1 de agosto. Como parte de la movilizacion continental contra la explotación minera
Versión [ES]
NOTIAGEN – 1 de agosto de 2012
MANIFESTAZIONE IN MEDELLIN

Sinaltrainal, 30 anni di lotte!

logo sdb

POR NUESTROS MUERTOS, NI UN MINUTO DE SILENCIO. ¡TODA UNA VIDA DE LUCHA!
Per tre giorni il sindacato degli alimentaristi colombiani, SINALTRAINAL, ha festeggiato il suo trentesimo anno di vita. La meraviglia non consiste nel fatto dell’assoluta assenza dei grandi mezzi di informazione colombana, e neppure nell’alta e qualificata partecipazione all’evento. Bensì nel fatto che in Colombia um sndacato posssa “vivere” per trent’anni.
Venticinque sono i sindacalisti SINALTRAINAL uccisi, sei sono esiliati, quasi tutti i dirigenti sono minacciati e la maggiorparte di loro viaggia scortata. 4000 sono i sindacalisti colombiani uccisi negli ultimi anni, quasi la metà che nelresto del mondo. La determinazione e l’orgoglio con il quale si definiscono un sindacato di classe, ha permesso loro di raccontare durante il Forum un’altra storia, quella che difficilmente arriva alla gente.
“… noi continuiamo a denunciare le politiche di saccheggio, sfruttamento, oppressione, oltraggio alla popolazione e distruzione ambientale causata dalle multinazionali e continuiamo a sforzarci per raggiungere una soluzione al conflitto sociale ed armato che vive Colombia e per l’unità dei popoli della nostra America. Un’altra Colombia, un’altra America, un altro mondo è possibile.”

sdb

FORUM NEL TRENTENNALE DEL SINDACATO
SINALTRAINAL – Sindacato alimentarista
25 – 27 luglio 2012
L’attuale guerra che si presenta in Colombia è motivata, promossa, finanziata ed rafforzata dai padroni dei gruppi finanziari globali, le multinazionali più grandi del mondo e l’oligarchia locale. Tale scontro è parte della strategia usata per raggiungere qui ed in America Latina i loro obiettivi. Sono i loro interessi quelli che traggono profitto dal conflitto.
Le transnazionali non suolo guadagnano vendendo armamenti e finanziando lo stato oligarchico colombiano affinché eserciti una repressione indiscriminata e costruisca un mostruoso apparato militare, ma si approfittando anche dei “frutti” che lascia la guerra.

Óscar Paciencia
27 luglio 2012

INTERVENTO DI ALIRIO URIBE

Il presidente del Collettivo di Avvocati José Alvear Restrepo riporta le cifre drammatiche sulla condizione del lavoro e della violenza verso i sindacalisti in Colombia. Crimini rimasti impuniti: “In questo paese si uccidono oltre il 50% di sindacalisti sul totale dei sindacalisti uccisi nel pianeta”. Versión [ES]

Óscar Paciencia
27 luglio 2012

INTERVENTO DI JAVIER CORREA

Il presidente del SINALTRAINAL passa in rassegna i 30 anni di lotta, descrivendo campagne interne e internazionali, strategie, vittorie e sconfitte. Denunciando l’inerzia dello stato e la sua determinazione nella svendita delle ricchezze nazionali alle grande imprese multinazionali. Versión [ES]

sdb

SOLIDARIETA’ DEI COMITATI DI BASE ITALIANI
22 luglio 2012
Compagni e Compagne del SINALTRAINAL,
Vi inviamo un fraterno saluto dall’Italia, terra martoriata dalle politiche economiche dell’Unione Europea, dei Mega progetti, della devastazione ambientale, della cancellazione dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, della precarietà, della corruzione politica. Anche se distanti, non possiamo non rallegrarci per i 30 anni di vita della vostra organizzazione passati a lottare contro le Multinazionali e i gruppi paramilitari per una Colombia in cui le risorse naturali e il territorio appartengano alle comunità.

sdb

IMMAGINI DELL’INIZIATIVA
foto di óscar paciencia
25 – 27 luglio 2012
I sindacalisti ripercorrono la memoria; presentanto gli ospiti internazionali. Foro sul tema “Multinazionali, violenza, libertà sndacale, democrazia in Colombia. La festa con gruppi musicali di vario genere

Indigeni Nasa non vogliono armi

logo sdb

Il 9 luglio 2011, i guerriglieri del VI° fronte delle FARC hanno fatto esplodere una chiva bomba (mezzo collettivo di trasporto per persone cose ed alimenti utilizzato in queste zone – ndt) nella città di Toribio, uccidendo 3 persone. A seguito di questo evento la comunità si è dichiararata in assemblea permanente. Il 20 luglio dello stesso anno è stato convocata la Giunta Direttiva del CRIC (Consiglio Regionale Indigeno del Cuca) dove si diede mandato per attuare “LA MINGA DI RESISTENZA PER LA AUTONOMIA E L’ARMONIA TERRITORIALE E PER LA FINE DELLA GUERRA”.

sdb

LETTERA APERTA AI GRUPPI ARMATI
ACIN – Associazione Cabildos Indigeni Nord Cauca
8 luglio 2012
“Ci dichiariamo in resistenza permanente fino a quando i gruppi armati e gli eserciti non se ne andranno da casa nostra. Noi siamo in casa nostra e non la lasceremo, coloro che devono andare via sono gruppi armati e gli eserciti, legali e illegali che vengono a seminare morte nei nostri territori. Oltre 400 attacchi della guerriglia a Toribio, oltre i morti, feriti, sfollati, case distrutte, campi minati, raccolti perduti, studenti senza lezioni, dolore, tristezza, impunità, orfani, vedove, minacce, accuse, e tutti i tipi di abusi compiuti contro la vita, le norme, la dignità e la giustizia; sono sufficienti motivi per dire BASTA GUERRA, BASTA GRUPPI ED ESERCITI ARMATI, SIA CHI SIA, BASTA ABUSI, BASTA MANCANZA DI RISPETTO, BASTA STUPRI, BASTA INVASIONI NEI NOSTRI TERRITORI.”

sdb

INTERVISTA AL GENERALE ALEJANDRO NAVAS
da El Pais di Santiago de Cali
22 luglio 2012
trad. óscar paciencia
“Comunque la Forza Pubblica manterrà il controllo del territorio, questo è il nostro dovere istituzionale e le comunità della regione dovranno capire questo concetto. Dobbiamo dire che la popolazione eccede nelle azioni che compie perché è male informata, dal momento che è sotto pressione da parte dei gruppi sovversivi, che la portano a commettere errori, molte volte forzatamente, a volte per convinzione, frutto dell’indottrinamento di queste guerriglie.”

logo-farc-ep

COMUNICATO DELLE FARC-EP
Bloco Occidentale Comandante Alfonso Cano
20 luglio 2012
Al termine di una analisi congiunturale e storica delle condizioni del Cauca, il comunicato termna responsabilizzando delle conseguenze dello scontro con l’esercito quei paesani che vedono di buon occhio la sua presenza nel territorio. “In questo contesto è preoccupante per la gente del nord Cauca il fatto che, come succede a Toribio, alcuni residenti si sono manifestati a favore della presenza delle forze dell’ordine nelle aree urbane. Presenza che, oltre favorire l’ingresso delle multinazionali in territorio indigeno e contadino, rappresenta il bersaglio delle azioni di guerriglia, quindi anche loro risulteranno responsabili delle conseguenze che possono derivare dal futuro sviluppo dello scontro”.
Vengono anche riportate le 7 norme (discutibili) datate 1995 sul comportamento che la popolazione civile deve tenere nei confronti delle forze dell’ordine.

Toribio

IMMAGINI DA TORIBÍO
foto di óscar paciencia
19 – 22 luglio 2012
Toribio devastata dai combattimenti. La dignità indigena che si esprime attraverso il rifiuto di tutti gli eserciti, rivendicando la propria tradizione e la propria determinazione a vivere in pace.